Forum di RossoScarlatto Community, racconti erotici e letteratura.
Forum di RossoScarlatto Community, racconti erotici e letteratura.
Forum di RossoScarlatto Community, racconti erotici e letteratura.
Home | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
Username:
Password:
Save Password
 All Forums
 RossoScarlatto Community
 RossoScarlatto Village
 fantasie che non passano

Note: You must be registered in order to post a reply.
To register, click here. Registration is FREE!

Screensize:
UserName:
Password:
Format Mode:
Format: BoldItalicizedUnderlineStrikethrough Align LeftCenteredAlign Right Horizontal Rule Insert HyperlinkInsert EmailInsert Image Insert CodeInsert QuoteInsert List
   
Message:

* HTML is OFF
* Forum Code is ON
Smilies
Smile [:)] Big Smile [:D] Cool [8D] Blush [:I]
Tongue [:P] Evil [):] Wink [;)] Clown [:o)]
Black Eye [B)] Eight Ball [8] Frown [:(] Shy [8)]
Shocked [:0] Angry [:(!] Dead [xx(] Sleepy [|)]
Kisses [:X] Approve [^] Disapprove [V] Question [?]

  Check here to include your profile signature.
    

T O P I C    R E V I E W
Onami Posted - 11 Dec 2015 : 10:23:29
ci sono fantasie che continuano ad essere costanti nella mia vita anche dopo averle realizzate. in questi anni ne abbiamo parlato tanto qui nel forum e alla fine molte di queste sono state realizzate... adoro giocare in tre, l'ho fantasticato, l'ho voluto e l'ho fatto. l'ho fatto più volte e con più coppie...eppure non mi passa mai la voglia e la fantasia. L'altro giorno ero in un bagno turco in tirolo, insieme a me una coppia di ragazzi austriaci molto belli. guardarli nudi senza alcun tipo di imbarazzo mi ha fatto venire voglia di andare a letto con loro e quando a loro si è sostituita una coppia italiana non altrettanto bella e giovane ma sicuramente molto fisica negli atteggiamenti e nei modi ho avuto la stessa fantasia... mi piace da matti il gioco che si crea in tre. mi piace quando non c'è un centro del piacere ma tutti si impegnano per dare e ricevere piacere....mi piace l'idea che una coppia abbia una complicità talmente forte da condividere una fantasia del genere e mi piace da matti l'idea di essere stato e di essere ancora il terzo che soddisfa la fantasia... nel tempo si è evoluta, giocando con due donne e con due coppie eppure mi piace quella situazione intima del gioco a tre. ho imparato ad abbandonarmi a cose non previste. un marito che godeva nel aprire lui le gambe della moglie e prendendomi l'uccello in mano infilarlo dentro di lei...una volta non mi sarei mai fatto toccare...eppure era talmente eccitato da poter soddisfare la sua fantasia che non potevo non lasciarglielo fare. c'è stato anche il caso in cui ero solo passivo. guardare ed essere guardato...ogni volta qualcosa di diverso ma non per questo meno eccitante...e voi? qual'è la vostra fantasia persistente
13   L A T E S T    R E P L I E S    (Newest First)
Silverdawn Posted - 06 Jan 2016 : 19:26:42
Nei miei racconti finisco perfino troppo spesso per metterci l'occhio indiscreto e le reazioni emotive di lei... a me fa meno effetto l'essere visto, non ci faccio caso. Tanto tempo fa, nel 1988, una mattina di luglio finimmo per far l'amore in piedi sul terrazzino di casa mia. A me non faceva molto effetto ma a lei sì. Era un terrazzino al primo piano con ringhiera in ferro, noi eravamo completamente nudi, dava su cortili e campagna ma intorno c'erano altre case e il sole era già nato da un po'... probabile che non ci vide nessuno, ma lei si era molto eccitata. Un mio lungo racconto inizia e venne concepito attorno ad un occhio indiscreto: invitati in una villa per un fine settimana, lei sente una strana sensazione: la sensazione di essere osservata da qualcuno; questo qualcuno, piano piano si materializza nella sua fantasia fino a diventare il padrone di casa... lei si eccita a tal punto che deve fuggire poi il suo sguardo vero, reale. Si rifugia in camera e sente ancora di più quell'occhio, tanto da finire per accarezzarsi da sola e lo fa puntando dritto verso quell'occhio che non c'è... come un'ossessione. Poi l'occhio arriverà davvero e lei sarà felice di essere guardata da quell'occhio tanto sognato... il mio BLU è così...

La poesia condensa il piacere della vita...
Onami Posted - 06 Jan 2016 : 18:43:49
I piccoli particolari contano sempre!!!!
Silverdawn Posted - 06 Jan 2016 : 18:34:11
Vedere ed essere visti... a volte basta anche meno: lo sguardo compiaciuto e complice, quando prendi la camera in albergo alle dieci del mattino, della ragazza alla reception... ha capito benissimo cosa vai a fare in camera con lei che non è tua moglie... e anche lei, quella che non è tua moglie, ha scambiato lo stesso sguardo con lei, che ha letto la sua carta d'identità su cui è scritto che è sposata. Così arrivi in camera che è quasi più eccitata... o, ancora: farle togliere gli slip in macchina, in pieno giorno, portarla a spasso e sentire che lei sente che la gente che incontra sa che non ha slip, sotto la gonna. Anche nelle forme più intime, l'esibizione e lo sguardo aiutano...

La poesia condensa il piacere della vita...
Onami Posted - 06 Jan 2016 : 12:02:20
quote:
Originally posted by Amarillide

La risposta alla tua domanda, caro Silverdawn, non è affatto lineare: spesso mi è capitato di viaggiare con la fantasia, incentrando l'immaginazione erotica sul mio partner; e ne traevo grande eccitazione, nel figurarmi lei o lui con un(') altro/a. È una fantasia che ha grossa presa su di me. Conoscendomi e basandomi sulle esperienze che ho accumulato fino ad ora, credo che sarei capace davvero di vivere e di lasciar vivere il poliamore con la persona che amo solo nel caso in cui sentissi in modo potente e profondo di essere il suo punto di riferimento, sia sentimentale che erotico.
In altri casi non so se sarei davvero in grado di godere appieno della libertà e del piacere del poliamore. :)



credo che il fatto di essere il punto di riferimento del partner sia fondamentale, sia la base della coppia nel sesso, come ovviamente nella vita, quindi concordo con te su questo punto di vista.
ti è mai successo di guardare anche non il tuo partner? anche per caso?
la finestra del mio ufficio da sulle finestre di un albergo e negli anni ho visto un sacco di gente fare l'amore lentamente o sesso in maniera forte magari appoggiati al vetro della finestra. o con ancora addosso l'accappatoio appena usciti dalla doccia....anche io adoro guardare se poi si accorgono e continuano ancora più bello... poi per me voyeurismo ed esibizionismo sono due lati della stessa medaglia e quindi mi è piaciuto molto essere quello contro la finestra....mi ricordo in un viaggio io e le mia fidanzata eravamo dalla parte opposta...noi contro la finestra e davanti a noi 5 ragazzi sul terrazzo dell'ufficio che ci guardavano...
Silverdawn Posted - 26 Dec 2015 : 16:53:43
Amarillide... non credere che la gelosia non sia un problema per i poliamoristi. Normalmente si cerca di tenerla sotto controllo, di razionalizzare un sentimento negativo (nega una libertà...) ma non sempre ci si riesce... il fatto di condividere, soprattutto in modo affettivo (per i giochi da Club Privee la cosa è un po' diversa...) uno o più amori è una questione di grande equilibrio. A volte si raggiunge per sintonie, altre volte per prova di forza, altre volte per altre vie. Però, vista la tua giovane età, mi pare che tu sia sulla strada più sicura per arrivarci. Mi piace come ragioni... tifo per te!

La poesia condensa il piacere della vita...
Amarillide Posted - 26 Dec 2015 : 16:26:16
Del resto... Mi rendo conto di essere vittima di retaggi culturali e forse anche familiari; non nascondo di essere stata più volte preda di accessi di gelosia.
Ma sempre in momenti in cui avvertivo che il legame con l'altro non era poi così forte come pensavo.
Amarillide Posted - 26 Dec 2015 : 16:24:11
La risposta alla tua domanda, caro Silverdawn, non è affatto lineare: spesso mi è capitato di viaggiare con la fantasia, incentrando l'immaginazione erotica sul mio partner; e ne traevo grande eccitazione, nel figurarmi lei o lui con un(') altro/a. È una fantasia che ha grossa presa su di me. Conoscendomi e basandomi sulle esperienze che ho accumulato fino ad ora, credo che sarei capace davvero di vivere e di lasciar vivere il poliamore con la persona che amo solo nel caso in cui sentissi in modo potente e profondo di essere il suo punto di riferimento, sia sentimentale che erotico.
In altri casi non so se sarei davvero in grado di godere appieno della libertà e del piacere del poliamore. :)
Silverdawn Posted - 26 Dec 2015 : 14:15:36
Fantastica Amarillide... in genere sono gli uomini a pensare di guardare. Ultimamente ho scoperto che esistono molte donne che gradiscono anche questo. E... se uno dei due fosse il tuo partner? Avresti la stessa curiosità o saresti costretta ad intervenire in maniera ortodossa, rivendicando il tuo territorio? Io sono poliamoroso, mi piace condividere. Sono talmente strano che non ho mai pensato ad una donna come mia... lei è sua! Il fatto che faccia l'amore e non solo sesso ma proprio l'amore, con un altro o con un'altra mi riempe solo di gioia... se la condividiamo, è una gioia al quadrato, al cubo... poche, pochissime donne, qui da noi, accettano questa cosa come espressione di gioia. Molte la considerano un'umiliazione, vedere il partner con un'altra. In America è già una moda diffusa.

La poesia condensa il piacere della vita...
Amarillide Posted - 26 Dec 2015 : 12:57:01
La mia fantasia persistente, che ormai ho da anni e che è cominciata quando ho iniziato la mia prima vera relazione significativa, è voyeristica.
Spesso mi ritrovo a fantasticare su situazioni in cui sono spettatrice involontaria, o forse fin troppo volontaria, di sesso tra due sconosciuti: godo moltissimo nell'immedesimarmi in una delle due parti, maschile o femminile, nel piacere di lui o di lei, o di entrambi contemporaneamente, e solitamente la fantasia che preferisco in assoluto è la fellatio.
(Sono sempre stata molto curiosa di conoscere il godimento maschile nel ricevere sesso orale, pur essendo molto orgogliosa della mia femminilità)
Silverdawn Posted - 22 Dec 2015 : 21:26:25
Guarda... tendenzialmente piace a tutti. Molti si bloccano prima di arrivarci ma se li sai condurre è difficile che rifiutino. Ha un sapore tutto particolare, soprattutto se diventa un rapporto, un menage... siamo ancora carichi di ipocrisie, noi italiani, ma stanno cadendo molte barriere. Ho avuto anche la fortuna di fare il "terzo incomodo" in una coppia di fanciulle... cosa divina ma pericolosa... una è diventata gelosa... ho dovuto abbandonare. Ne scrissi vagamente in un racconto, romanzando molto ma la base era quella: DISEGNI DIVINI.

La poesia condensa il piacere della vita...
Onami Posted - 22 Dec 2015 : 10:35:45
l'invito a giocare ancora è stata la sorpresa di natale...continuo a pensare che il gioco a tre siamo meraviglioso. qualcuno lo ha provato? a qualcuno è piaciuto, qualcuno vorrebbe rifarlo o la fantastica??
Onami Posted - 11 Dec 2015 : 19:48:26
la vediamo molto uguale. alla base ci deve essere una coppia, con una fortissima complicità, solo cosi il terzo può giocare in maniera naturale. io della coppia conoscevo solo lei eppure mi hanno invitato a casa, abbiamo parlato giocato, ci siamo dati senza riserve e alla fine mi hanno invitato a pranzo e abbiamo chiacchierato del più e del meno....bellissimo... sono stato in un club e l'ho trovato distante da me. troppo immediato troppo crudo che è molto diverso da nudo come lo intendi tu o lo intendo io... è stato eccitante ma diverso. l'orgia per come l'ho vissuta io è una cosa impari in un prive. di solito grosse sproporzioni uomini e donne e tutti vogliono partecipare tutti vogliono infilare...a me piace tutto il resto, tutto quello che c'è prima e anche dopo.... non posso limitarlo all'atto fisico perderei tutta una parte importantissima...ad esempio l'attesa che aumenta sempre la voglia e amplifica le sensazioni iniziali
d'estate in grecia pratico il nudismo e nelle spiagge alla fine siamo sempre gli stessi, diventa quasi una famiglia...rispetto, amicizia. ecco il prive lo paragonerei a Cap d'agde in francia, la mia grecia ad un gioco in pochi e conosciuti... sul fatto del nudismo qui, trovo la definizione super azzeccata...il bello qui è sempre stato non nascondersi dietro a facciate, liberi di essere quello che siamo. senza paura di giudizi e questo perché c'erano e ci sono anche se passive un sacco di persone splendide...

a presto
Silverdawn Posted - 11 Dec 2015 : 14:39:18
Ciao Onami. Io non ho tutte le tue esperienze ma l'esperienza del triangolo l'ho vissuta molto bene anche io e mi è piaciuta moltissimo. Eravamo molto affiatati, non so se mi riuscirebbe di immergermi in una coppia immediatamente, forse avrei bisogno di un briciolo di contorno, prima. Però, la naturalezza con cui abbiamo portato avanti la cosa, prima, durante e dopo, mi è molto piaciuta. Non c'erano pudori, non c'era nemmeno solo libidine... era espressione di ciò che facevamo ogni giorno, espressione d'affetto, d'amore. Senza inibizioni e pregiudizi. Penso che qualsiasi donna riesca ad accettare il terzo "incomodo", bisogna solo prepararla bene. Io sono uomo e accettare il terzo "incomodo" mi è stato facile ma ero in una condizione favorevole, c'era già una notevole complicità fra tutti e tre. Penso che la complicità sia molto importante. Non credo di poter andare in un Club e lasciarmi trasportare, pur se l'orgia rientra fra le mie più frequenti fantasie. Ecco, un luogo ove passare del tempo in relax, alcune volte a settimana, quasi sempre con le stesse persone, senza inibizioni e senza "vestiti", mi potrebbe aiutare molto. Anche questo, seppur virtuale, lo considero un villaggio NUDISTA, da sempre. Non tutti mi hanno dato ragione, in proposito, ma ho trovato persone splendide, qui dentro... molto NUDE mentalmente.

La poesia condensa il piacere della vita...

Forum di RossoScarlatto Community, racconti erotici e letteratura. © www.RossoScarlatto.net Go To Top Of Page
This page was generated in 0.11 seconds. Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.03