Racconti Erotici - RossoScarlatto Community
RossoScarlatto Community
.: :.
Racconto n° 2291
Autore: Mayadesnuda Altri racconti di Mayadesnuda
Aggiungi preferito Aggiungi come Racconto preferito
Contatto autore: Scrivi all'Autore
 
 
Lettori OnLine
 
Romanzi online
 
Rebel, una moglie al di sopra di ogni sospetto Oppium, la via della perdizione assoluta. Destiny, un incontro avvenuto per caso Escort, un gioco che può cambiare la vita Remember, fantasmi dal passato. La Terra dell'Arcano - Prima Era Veleno, scorre dentro il sangue e ti porta via. True lies, le vere bugie di una donna dalla doppia vita. Cuba Libre, un sensuale incontro nella magia di Cuba Timeline, i viaggiatori del tempo
 
 
Vuoi che ti esibisca
Vuoi che ti esibisca.

Sei ricorso ad ogni possibile trucco e variante.
Hai blandito, adulato, supplicato, pregato e minacciato.
Ho tremato. Lo ammetto. Spero che nulla sia trasparito.
Spero che il cristallino disinteresse dell'implacabile mistress per gli insignificati desideri dell'anima del suo slave abbia retto.
Sono ragionevolmente certa di sì.
Ragionevolmente già. Che senso abbia il regionevole in questo contesto, nel nostro contesto poi è tutto da dimostrare.
Al momento, a spanne, direi nessuno.

Vuoi che ti esibisca.

Lo hai chiesto come un cucciolo chiede le coccole al suo padrone.
E subito dopo lo hai preteso. Dimenticando per una frazione di secondo quello che sei. Per cercare di tornare ad essere quello che
hai sempre finto di essere. Con le altre. Anche con me. All'inizio.
Non ha funzionato.
Nemmeno la seducente e ipnotica litania delle parole che intrecci così sapientemente ha funzionato. Non stavolta.

Vuoi che ti esibisca.

Solo che io non so se voglio farlo.
Semplicemente non lo so. Ancora.
O meglio. Non so ancora precisamente quali sono i confini della mia voglia. L'unica che conta. E quali quelli della tua.
Una cosa la so. Con assoluta cetezza.
Mi appartieni. Così totalmente da essermi quotidiano sottofondo.
Il guinzaglio che ondeggia dal tuo collo e i lacci invisibili che serrano al tua anima hanno lo stesso segno, lo stesso colore, la stessa declinazione. La MIA.

Vuoi che ti esibisca.

Ti conosco. Non è solo desiderio di slave. Non è masochistico compiacimento del servirmi pubblicamente. Non è l'umiliazione, che pure ti è cara. No.
Tu vuoi marcare il territorio. Vuoi segnare i confini. Vuoi essere cosi perfettamente rispondente ai miei capricci da... bastarmi.
Non accadrà. Ci saranno sempre una serie di variabili di contorno.
Solo mi chiedo... è lecito lasciarti provare?

Vuoi che ti esibisca.

Solo che io, forse, sono più crudelmente sadica di quanto pensassimo e ti accontenterò.
Punizione più cruenta credo non potrei inventare.
Lo capirai. Dopo.

Vuoi che ti esibisca...

Mayadesnuda

Biblioteca
 
Community
Redazione RS
Novità
Biblioteca

Biblioteca

 
.: RossoScarlatto Community :.