Racconti Erotici - RossoScarlatto Community
RossoScarlatto Community
.: :.
Racconto n° 2856
Autore: LaDispettosa Altri racconti di LaDispettosa
Aggiungi preferito Aggiungi come Racconto preferito
Contatto autore: Scrivi all'Autore
 
 
Lettori OnLine
 
Romanzi online
 
Dirty Dreams, sogni fuori da ogni controllo. Tribe, tre enigmi per un solo mistero. X Stories, i mille volti di una straordinaria follia La schiava, una storia oltre il limite del desiderio Foreign Affairs, incontri ravvicinati troppo pericolosi Oppium, la via della perdizione assoluta. Timeline, i viaggiatori del tempo Eyes Un filo sottile che lega un uomo e due donne. History, il desiderio venuto dal passato. La Terra dell'Arcano - Terza Era
 
 
Gita al parco
- Ti ricordi cosa abbiamo fatto l'ultima volta che siamo venuti qui? - mi chiede sorridendo.
Dall'ultima volta è passato già qualche mese. Sono le sette di un sabato sera. Non c'è molta gente.
Siamo usciti di casa in scooter, per approfittare dei primi caldi concessi da una stagione fin troppo strana, pensando di fare un giro in centro e prendere un aperitivo prima della cena.
Ma poi l'aria era così calda ed invitante che abbiamo allungato di qualche chilometro pensando di fare quattro passi sul lago e tornare in quel parco silenzioso.
La riva è sommersa dai canneti. Un percorso in mattoni malconci e rialzati dalle radici degli alberi che forzano sulla terra costeggia i campi da tennis deserti e si allunga fino alla fine, dove il parco diventa boscaglia ed è chiuso da una rete. Poi fa una larga curva verso sinistra e torna indietro, costeggiando il lago.
Qualche bambino gioca vicino l'entrata, su uno scivolo colorato. L'unico bar, una piccola casetta in legno rialzata su alcune assi, avrebbe aperto solo a maggio.
Camminiamo per un centinaio di metri lungo il percorso, sedendoci poi su una panchina dove qualcuno aveva lasciato una ghirlanda di margherite e promesse d'amore intagliate nel legno.
- Ti ricordi cosa abbiamo fatto l'ultima volta che siamo venuti qui? - mi chiede sorridendo.
È ovvio che me lo ricordo.
Non potrei mai dimenticare quando, sdraiati sull'erba di quel parco, abbiamo fatto l'amore in fretta e furia per paura che qualcuno ci vedesse.
Butta la sigaretta a terra e sorride.
Il lago è calmo e tra i canneti un cigno nasconde il becco tra le piume.
Mi sono sempre chiesta come facciano, i cigni, a dormire in quella posizione.
Si sentono i grilli cantare tra gli alberi.
- Era tanto che non sentivo i grilli - mi dice. - Mi ricordano il mare - .
Ed è vero.
Se non fosse per quei moscerini che, mentre parlo, ogni tanto mi si infilano in bocca, tutto è perfetto.
- Andiamo? È quasi ora di cena - .
Raccolgo borsa e casco e proseguiamo fino alla rete. Il percorso qui svolta a sinistra e forma una specie di ellisse, girando intorno ad alcune piante basse e folte e tornando indietro.
Cammino davanti stando attenta a dove metto i piedi.
Lui, proprio mentre passiamo intorno a quelle piante come un giro di boa, mi afferra il braccio.
Mi fermo e lo guardo.
Il suo sorriso mi dice più di cento parole.
Tira giù la zip dei jeans e fa uscire il cazzo dall'apertura.
Lo prendo tra le mani. È caldo.
Mi alzo sulle punte dei piedi per guardare oltre la siepe, per cercare di vedere se sta arrivando qualcuno dal sentiero che abbiamo da poco abbandonato, ma non riesco a sollevarmi così tanto.
Facciamo qualche passo ancora e ci mettiamo sulla via del ritorno, al limite delle piante. Da lì, se faccio attenzione, posso riuscire almeno a vedere qualcosa.
Lui tira giù la mia zip e infila due dita nei miei pantaloni. Le tiene unite e spinge sul clitoride, muovendole verso il basso e premendo sull'entrata da sopra il tessuto degli slip.
Non ci metto molto a venire.
Mi tocca e, mentre lo fa, ogni tanto lo vedo guardarsi in giro. La cosa mi eccita terribilmente.
Godo soffocando i gemiti nella sua bocca.
Mi piego verso il basso e tiro fuori la lingua leccandogli il membro teso e costretto nel poco spazio della zip.
Mi piace tirare indietro la pelle con la mano e sentire sulla lingua la punta liscia gonfiarsi.
Adesso nessuno guarda più se sta arrivando qualcuno. Io sono troppo in basso per poter vedere. E lui addirittura dà le spalle al sentiero.
I mattoni ruvidi mi fanno male sotto le ginocchia e la giacca della moto piena di protezioni è troppo scomoda per qualsiasi movimento.
Ma mi piace vederlo così. Dal basso.
Socchiude le labbra e gli occhi all'unisono e respira forte.
Mi eccita.
Sentiamo dei passi avanzare lenti. Sembrano tacchi da donna, ma c'è anche qualcun altro. Si sentono delle voci.
Io mi alzo ma lui, con le mani sulle mie spalle, mi fa capire che non devo.
M'inginocchio ancora.
Lo tocco velocemente ora e con gli occhi cerco di traforare quelle piante e vedere se c'è qualcuno oltre la siepe, ma non riesco. L'erba è troppo fitta e folta, soprattutto all'altezza dei miei occhi.
Guardo verso l'alto.
- Sta arrivando qualcuno - gli dico quando le voci si sentono più chiare.
Ma non posso fermarmi ora. Penso che, se mi fermassi, mi rimarrebbe un sapore amaro in bocca che poi sarebbe difficile da togliere.
Penso a cosa succederebbe se qualcuno sbucasse dal sentiero.
Credo che la posizione che ho in questo momento non possa essere fraintesa. Sono inginocchiata a terra. C'è poco da fraintendere.
Allora immagino che, se qualcuno arrivasse proprio ora, potrei alzarmi di scatto. Anche se sarebbe inutile.
Lui infila una mano nella tasca della giacca e tira fuori il cellulare.
Alzo gli occhi e guardo verso l'obiettivo con la lingua attaccata al suo cazzo rigonfio.
Mi piace essere fotografata. Mi piace riguardarmi per vedere la scena dal suo punto di vista.
Lo sento respirare più forte, ora, e lo sento tendersi e contrarsi sotto le dita.
Le voci sono a due passi da noi. Ora riconosco un uomo e una donna che ride di gusto.
- Non rideresti così se oltrepassassi questa siepe... - penso.
Sento le fronde muoversi e vedo qualche foglia cadere giù.
Sono esattamente dove siamo noi, separati solo da questa pianta che, se potesse parlare...
Il mio uomo mi prende la nuca tra le mani e mi spinge a sé.
Lo succhio, lo mangio, lo ingoio.
Viene in un rantolo che soffoca in gola e tra i denti.
Ancora con i suoi spasmi in bocca mi accorgo di un cane dietro di noi, oltre la rete. Non riesco a vederlo, ma so che è lì, lo sento abbaiare forte.
Mi alzo, lo bacio sulle labbra.
Mi piace baciarlo, ha le labbra morbide.
Lui rimette il cazzo nei pantaloni con una fatica estrema e nel farlo sporca un poco l'orlo della giacca.
Sorride.
Di un sorriso meraviglioso, da paragonare a tutto ciò che di più bello c'è al mondo.
Strofino la mano su un fazzoletto e pulisco gli anelli che si sono imbrattati di sperma nel toccarlo.
Tiro su da terra il casco e la borsa che avevo abbandonato in un angolo e mi volto.
Una coppia è dietro di noi e ci guarda con occhi strani.
Non ci faccio caso.
Proseguiamo per il sentiero e ci dirigiamo verso l'uscita, ripassando davanti ai giochi dei bambini e a quel bar che aprirà solo a maggio.
I grilli non si sentono più, chissà perché.
Oltrepassando il cancello noto un cartello che dice che il parco è sottoposto a videosorveglianza. Sorrido.
E penso a quando torneremo qui di nuovo e lui, sorridendo, mi dirà - Ti ricordi cosa abbiamo fatto l'ultima volta che siamo venuti qui? - .

LaDispettosa

Biblioteca
 
Community
Redazione RS
Novità
Biblioteca

Biblioteca

 
.: RossoScarlatto Community :.