Racconti Erotici - RossoScarlatto Community
RossoScarlatto Community
.: :.
Racconto n° 4480
Autore: Anna Mugler Altri racconti di Anna Mugler
Aggiungi preferito Aggiungi come Racconto preferito
Contatto autore: Scrivi all'Autore
 
 
Lettori OnLine
 
Romanzi online
 
La schiava, una storia oltre il limite del desiderio Foreign Affairs, incontri ravvicinati troppo pericolosi X Stories, i mille volti di una straordinaria follia Oppium, la via della perdizione assoluta. Timeline, i viaggiatori del tempo Eyes Un filo sottile che lega un uomo e due donne. History, il desiderio venuto dal passato. La Terra dell'Arcano - Terza Era Rebel, una moglie al di sopra di ogni sospetto Destiny, un incontro avvenuto per caso
 
 
Rendez-vous Brasiliano






Quando tornai a casa, mi resi conto di essere fradicia sino alle ossa.
La chioma perfetta sino a poche ore prima, era un intreccio di riccioli crespi, spettinati e da afro-cubana. Il trucco altrettanto perfetto e curato in ogni minimo dettaglio: colato, scivolato via dalla mia pelle e dalla mia anima.Mi guardai allo specchio e vidi il mio sguardo perdersi dentro a quel pezzo di vetro che rifletteva un'immagine distorta di me. E tutto questo per un appuntamento, un incontro con una donna che tra l'altro non conoscevo, avevo solo intravisto e sentito un paio di volte telefonicamente. Voce molto gradevole, perfetto italiano, seppi più tardi che era di origine brasiliana.

Un rendez-vous quasi al buio, ma quell'oscurità se ne andò quando vidi i suoi occhi verdi brillare dentro ai miei. Mi fece balzare il cuore in petto. Tachicardica. Aveva i capelli ricci, scuri, gli occhi profumavano di una terra lontana. Era la donna più bella che avessi mai visto in vita mia. Mi sorrise e velocemente entrò nella mia auto, il suo profumo s'impregnò nella tappezzeria dei sedili, nell'abitacolo tutto sapeva di lei. Poco dopo i vetri furono completamente annebbiati dal nostro respiro. Per un attimo rimasi spiazzata da tanta bellezza, una bellezza violenta che avrebbe potuto farmi molto male, l'avevo intuito subito appena vista. Avrebbe potuto portarmi dalle stelle alle stalle, se solo il mio cuore le avesse dato uno spazio che non ho mai voluto darle. Pelle morbida, liscia, chiara, cuore giovane, aria snob, fisico mozzafiato. Appuntamento al buio con il sole dentro.
Vecchio palazzo, appartamento antico, letto grande e accogliente, giorni in un alcova, passione e sesso, sesso e passione. Non capivo più se il tempo si fosse fermato o fosse volato via. Sempre addosso a me, come un animale, una calamita, un collante per aggiustare i pezzi di un puzzle.

Era lei il pezzo mancante? Erano quegli occhi che mi trapassavano il sangue che dovevano arrivare sino a qui? Arrivare per rimanere, o arrivare per andare. Silenzio, nessuna risposta, il mio cervello e il mio corpo tacevano. Era arrivata per farmi voltare pagina, o solo per scrivere l'ennesimo breve capitolo della mia esistenza? La pagina era bianca, in quel preciso momento aveva il suo nome,ma poi? Il giorno dopo? Lo stesso nome? Scacciavo il pensiero e mi godevo quel momento, nessuno poteva rubarmelo, vissuto e divorato, non lo dimenticherò.

Lei era la donna più bella che avessi visto in vita mia.
Lei fu un appuntamento al buio con il sole dentro.
Lei il collante del mio puzzle.
Lei il mio nuovo profumo.
Lei il silenzio della passione.
Lei il rumore di una tempesta ormonale.
Lei e quel letto.
Lei e il mio - non mi è dato di sapere - .

L'antica dimora odorava di lei e della mia musica, dei miei e suoi occhi, di sguardi complici e penetranti. Non avevo idea da dove fosse uscita, non ricordavo nemmeno come l'avessi veramente conosciuta, ma l'avevo sentita arrivare da me. Non temevo la sua presenza, ne ero incuriosita,osservavo da lontano un essere umano che sapevo sarebbe stato mio anche se per poco. Strana sensazione, una piuma sulla pelle, un fuoco sulle labbra. Fare l'amore con lei per giorni era stato un tempo rubato alla vita quotidiana, un tempo colorato, divino, sublime, allegro, alcolico, giovane e infinito. Era come se fossi salita su una mongolfiera per toccare il cielo con il viso. Era un fiore fresco,arrivata a primavera, sbocciata tra le mie braccia e con la sua bocca dentro di me. Un fiore che non si mescolava con nessun altro, unico, e particolare.

Singolare, femminile.
Femminile, femmina.
Femmina, Donna.
Donna, Amante.
Amante Mia.
Giorni numero quattro.
Mia.
Aggettivo possessivo.
Possessivo, Definitivo.
Definitivo, Chiuso.





Anna Mugler

Biblioteca
 
Community
Redazione RS
Novità
Biblioteca

Biblioteca

 
.: RossoScarlatto Community :.